logo storia natura e cultura della Valnerina

Lavatoi di Cesure e Campomicciolo

Descrizione

Terni, spesso nascosta agli occhi dei turisti, è una città affascinante circondata da bellezze naturali, con l’acqua come elemento principale. Passeggiando lentamente per le sue strade, si scopre un labirinto di canali e formette che la rendono unica.

Il canale Cervino, un capolavoro di ingegneria idraulica, fu scavato già nel ‘600 per irrigare la parte alta della città. Anche se parzialmente coperto oggi, è ancora visibile in vari punti, con le sue deviazioni e chiuse che formano un sistema idrico complesso.

I lavatoi sono luoghi dove l’acqua scorre veloce, adattandosi perfettamente al terreno grazie alla gravità. Molti sono ancora utilizzati, mentre altri giacciono nascosti e abbandonati, testimonianze di un’epoca passata.

Continuando a seguire il canale, anche se tombato è indicato molto bene, si può arrivare fino al quartiere di San Valentino. In questa zona era presente una cascata di alcuni metri come raccontato efficacemente in questo articolo.

Trekking lungo le fonti

Vi invito a esplorare questi quartieri che si trovano ancora ai bordi della città. La via della sponga, la via dell’acqua sparsa e i numerosi sentieri che attraversano i campi creano un’esperienza di passeggiata più immersa nella natura che in città.

Sarà un’avventura meravigliosa scoprire questi luoghi meno conosciuti e ammirare la fusione non sempre perfetta tra naturale ed artificiale.